Spegniamo i grandi network radio e tv che non danno spazio alla nuova scena italiana

Ieri 21 Giugno 2007 è stato indetto uno sciopero contro i grandi network radio e tv che non trasmettono piu’ musica indipendente, emergente ed esordiente.
Ecco le motivazioni di AudioCoop:

I network radiofonici stanno uccidendo la musica italiana. E’ incredibile: il rilevamento della Knowmark di Bologna presente sul sito di Musica & Dischi sui brani piu’ ascoltati in radio durante la settimana segnala la presenza di solo 6 canzoni italiane su 40. “E’ la conferma di cio’ che diciamo da tempo – commenta Giordano Sangiorgi presidente di Audiocoop e organizzatore del MEI – niente spazio nei grandi network radiofonici e televisivi italiani per la nuova musica italiana, indipendente, emergente ed esordiente. Così si uccide l’identità di chi fa musica, si perdono tutti quei valori di una cultura popolare che fa della musica uno dei punti di riferimento più importanti. E anche la televisione continua stantia a non prevedere alcun spazio non dico per artisti emergenti ma anche per artisti consolidati che non rientrano tra la primissima fascia. Come accade in alcune trasmissioni televisive utili solo a produzioni multinazionali e spesso portatrici di valori culturali assai lontani dalla complessità e varietà della musica italiana di oggi. Così facendo i grandi network danneggiano un comparto, quello dell’industria musicale indipendente italiana, che rappresenta il 25% del mercato musicale italiano, con gravi ripercussioni non solo a livello artistico ma anche e soprattutto a livello economico e occupazionale.
Per questo è giusto scioperare contro i network il 21 giugno, così come è giusta la posizione del circuito delle radio locali, coi quali solidarizziamo, che non partecipa al convegno di Audiradio, ritenuto uno strumento che danneggia le radio locali a vantaggio solo dei grandi network e delle grandi concentrazioni multinazionali, musicali e pubblicitarie.

La battaglia di AudioCoop contro i grandi network radio e tv ha dato i suoi frutti. Anche i grandi giornali si sono accorti che così si uccide la musica italiana e hanno lanciato il grido d’allarme dando ampio spazio allo sciopero annunciato il 21 giugno, in occasione della Festa della Musica, con interventi favorevoli da parte di Claudia Mori e Caterina Caselli che hanno attaccato le grandi radio colpevoli di non far passare piu’ i talenti italiani. Anche la Fimi della Confindustria denuncia che gli artisti emergenti non hanno piu’ spazio in radio. E lo stesso Linus denuncia che tante grandi radio hanno abbandonato la musica italiana.

Da AudioCoop.it